Il Ministero del Lavoro, con l’interpello 3/2019, ha risposto a un quesito, in merito alla configurabilità della fattispecie del silenzio assenso con riferimento alla richiesta di autorizzazione all’installazione e all’utilizzo di impianti audiovisivi e degli altri strumenti di cui all’attuale art. 4, comma 1, l. 300/1970.

Ciò in considerazione delle disposizioni della l. 241/1990 secondo cui il silenzio dell’amministrazione competente equivale ad accoglimento della domanda. In particolare, si chiede se il silenzio dell’organo amministrativo adito, in relazione all’istanza di autorizzazione, possa essere considerato un assenso tacito all’istanza medesima, in virtù del quale l’impresa possa procedere all’installazione degli impianti richiesti.

Secondo il Ministero, non è configurabile l’istituto del silenzio-assenso, occorrendo l’emanazione di un provvedimento espresso di accoglimento ovvero di rigetto della relativa istanza.