La Cassazione, con sentenza n. 6174 del 1° marzo 2019, ha affermato la legittimità di un licenziamento avvenuto a seguito di controlli effettuati dal datore di lavoro, attraverso una agenzia investigativa, e finalizzati a verificare il comportamento di un dipendente che si era assentato ripetutamente dal proprio posto di lavoro, senza timbrare il badge di uscita, risultando così, sempre presente.

Tali controlli sono legittimi in quanto tendono a configurare anche ipotesi penalmente rilevanti con danni per il datore di lavoro e non integrano, assolutamente, il divieto derivante dagli artt. 2 e 3 della l. 300/1970 che riguardano l’adempimento della prestazione lavorativa.