Il Tribunale di Milano, con ordinanza del 24 ottobre 2017, ha affermato che non sono utilizzabili a fini disciplinari i dati ricavati da uno smartphone se questo non costituisce uno strumento di lavoro.